Vai al contenuto
Home » PNRR: ammesso il progetto sulla riconversione della Scuola Montessori

PNRR: ammesso il progetto sulla riconversione della Scuola Montessori

Il progetto riguardante l’Edificio scolastico “M. Montessori”, il cui studio di fattibilità tecnica ed economica era stato approvato con la Delibera di Giunta n. 34, è stato ammesso a finanziamento.

#adv

Questo intervento è stato candidato dall’Amministrazione Comunale all’avviso pubblico del Ministero dell’Istruzione per la presentazione di proposte per la realizzazione di strutture da destinare ad asili nido e scuole di infanzia, da finanziare nell’ambito del PNRR, Missione4 – Istruzione e Ricerca – Componente 1 –Potenziamento dell’offerta dei servizi di istruzione: dagli asili nido alle Università–Investimento 1.1.

Nel concreto si tratta di una “RICONVERSIONE DELL’EDIFICIO PUBBLICO “M.MONTESSORI” DA DESTINARE AD ASILO NIDO”, per un totale di €1.240.000,00 interamente coperti dalle risorse stanziate dal Ministero dell’Istruzione per l’Avviso in questione.

“Abbiamo pensato anche di riqualificare la scuola “Montessori”, attualmente non utilizzata poiché avente una parte inagibile, e riconvertirla in asilo nido, fino ad ora mancante in quel lato del paese”. Aveva dichiarato questo alla nostra Redazione l’Assessore ai Lavori Pubblici Valeria Carolì, in occasione della candidatura di questo importante progetto che va a colmare un’esigenza di quella zona.

Buone speranze restano, invece, per l’altro progetto che era stato candidato allo stesso Avviso del Ministero dell’IstruzioneQuest’ultimo, per un valore complessivo di € 2.240.000,00, riguarda la “demolizione e ricostruzione dell’Asio nido comunale di Via Tevere” e, secondo quanto si evince dalla graduatoria, è stato ammesso con riserva. 

Attraverso quest’intervento si è posta l’attenzione sui bisogni dei più piccoli “che spesso nel nostro paese non riescono a trovare un posto che li accolga, così non permettendo alle loro madri di dedicarsi all’attività lavorativa”, ha dichiarato l’Avv. Carolì. “E allora la migliore soluzione ci è sembrata demolire e ricostruire l’asilo nido di via Tevere per avere ambienti completamente nuovi e interattivi”.

 

 

 

 

Seguici
#adv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.