Vai al contenuto
Home » Taurisano, Consiglio Comunale tra “ping-pong” di responsabilità e toni accesi

Taurisano, Consiglio Comunale tra “ping-pong” di responsabilità e toni accesi

Si è svolto oggi, sabato 11 Giugno 2022 dalle ore 9, il Consiglio Comunale di Taurisano, a cui hanno preso parte tutti i Componenti, ad eccezione della Consigliera di “Continuiamo insieme” Chiara Potenza.

#adv

Il primo punto all’ordine del giorno, avente ad oggetto “NUOVO PROGETTO AMPLIAMENTO CIMITERO COMUNALE” – APPROVAZIONE DEFINITIVA DELLO STUDIO DI FATTIBILITA’ AI SENSI DELL’ART. 16, commi 3, 4 DELLA LR. N 13/2001 E SS.MM.II.” è stato approvato dall’unanimità dei votanti, così come per la sua immediata eseguibilità.

Il Sindaco Luigi Guidano ha introdotto così il punto: “Questo è un argomento di cui il Consiglio Comunale si è ampiamente interessato nella seduta precedente, quando abbiamo adottato la proposta di variante. Adesso siamo nella condizione, grazie anche al celere lavoro degli uffici, che io ringrazio, di procedere alla approvazione definitiva della variante, perché abbiamo ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie per andare in questa direzione”. Intanto, fa sapere sempre il Sindaco, è stato sottoscritto il contratto per l’acquisizione dell’area interessata all’ampliamento del Cimitero. Tutto è pronto per cercare di cogliere l’opportunità offerta dal Bando a partire dal 15 Giugno (approvazione definitiva del programma esecutivo da parte della Giunta Comunale, inserimento dell’opera nel Programma Triennale delle opere pubbliche).

Il Consiglio Comunale dell’11 Giugno 2022

Dopo la dichiarazione di voto favorevole del Capogruppo Giuseppe Maglie, c’è stata la puntualizzazione del collega Raffaele Stasi di “Continuiamo Insieme” sulla “zona di rispetto”: “Nella progettualità siamo rimasti con la zona di rispetto dei 50m, quando per legge avremmo potuto anche ridurla ai semplici 25 m. Il mio intervento, che rimanga agli atti, vuole indiare che questa Amministrazione sta rispettando le norme di legge”.

Il Documento Unico di Programmazione è quell’atto con cui una Amministrazione Comunale individua gli indirizzi generali sulla gestione dei servizi pubblici e le risorse a disposizione; testata la situazione economico-finanziaria attuale e alla luce di ciò può prevedere un equilibrio in termini economici del Comune. Sempre con quest’atto programma i lavori pubblici, provvede al fabbisogno di personale e programma le alienazioni e valorizzazioni dei beni patrimoniali a disposizione.

Era proprio l’approvazione di questo documento l’oggetto del secondo punto: “APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DEL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) 2022/2024 (AI SENSI DELL’ART. 170 DEL T.U.E.L 267/2000).

Non è mancata la spiegazione minuziosa del Sindaco di questo atto, che fa parte di uno degli step che porterà, poi, alla definitiva approvazione del Bilancio: “Il DUP è, senza dubbio, un adempimento sopraggiunto in seguito alla cambiata normativa relativa alla approvazione del bilancio degli Enti locali. Quest’atto rende la situazione del bilancio dell’Ente locale molto più comprensibile e completa. Leggendo questo documento si ha la possibilità di comprendere gli obiettivi che una Amministrazione Comunale si dà a livello strategico di medio e lungo periodo, e quali sono gli obiettivi più semplici che vuole adempiere in un tempo più breve”.

Preciso e dettagliato è stato l’intervento del Consigliere Giuseppe Maglie che ha espresso seri dubbi sulla effettiva realizzazione di quanto contenuto nel documento per l’anno corrente: “Io non vorrei ripetermi rispetto a quanto detto in commissione, anche se la situazione che vedo non è ottimale. Sulle linee di mandato che abbiamo approvato in tempi passati, penso che per il 2022 difficilmente si farà tutto. Queste opere potranno essere spostate al 2023, 2024… Non vorrei dare molta colpa alla Maggioranza, che ha cercato di programmare quello che è possibile”. Ha poi passato in rassegna le situazioni che per lui sono “irrealizzabili”, come ad esempio l’eccessiva programmazione per i servizi sociali e in tema sport. A questo ha aggiunto altre situazioni che tutt’ora permangono nell’amministrazione della Città come, ad esempio, la situazione sui confini con il vicino Comune di Ugento, la mancanza di personale negli Uffici Comunali o la situazione del verde pubblico.

Il Consigliere Comunale Pasquale De Benedictis

Proprio su quest’ultimo tema è intervenuto il Consigliere Comunale Pasquale De Benedictis che ha precisato come si stia: “impegnando personalmente quotidianamente con i precettori del RdC. “Queste persone – ha spiegato il Consigliere – stanno eseguendo un buon lavoro con la manutenzione del verde pubblico. Le aree verdi a Taurisano sono abbastanza e seguirle tutte è molto difficile, in quanto è un periodo particolare dell’anno in cui l’erba cresce in maniera celere e, molto spesso, anche dopo solo un mese siamo costretti a intervenire nuovamente. È vero, come lei stesso ha ricordato, è stata data la concessione per tre mesi ad un manutentore. Questo è segno che ci stiamo organizzando per avere tutte le aree verdi del Paese il più pulite possibile”.

Su questo punto “Continuiamo Insieme” si è astenuto, facendo convergere tutta l’opposizione verso l’astensione. Per quanto riguarda l’immeditata eseguibilità, invece, il voto è stato unanime.

Il terzo punto “APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE 2022/2024 DELLA ALIENAZIONE E/O VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE” è stato introdotto e spiegato sempre dallo stesso Sindaco Luigi Guidano: “Bisogna tener conto che si tratta di case abitate da decenni da persone che, sicuramente, avranno fatto anche delle modifiche nella loro abitazione. Urge “contestualizzare” per capire l’effettivo valore di questi immobili e soprattutto spingere al massimo affinché le situazioni consolidate nel tempo possano essere rese più sensibili nei confronti di un acquisto definitivo del bene in maniera da sgravare l’Amministrazione Comunale da queste situazione ed evitare che qualcuno abbia a pensare che quella valutazione a quei livelli di quei beni possa servire per delle operazioni finanziare che possano giustificare alcuni interventi prevedendo copertura di spesa con le entrate teoriche dovuta alla, secondo me, improbabile cessione di questi beni”.

Hanno fatto seguito alle parole del Primo cittadino quelle del Consigliere d’Opposizione Maglie che, non facendo un intervento, ma una sola dichiarazione di voto, si è espresso favorevolmente per il suo Gruppo, in quanto “è corretto dare dei valori giusti ai beni in oggetto”. Stesso voto è stato espresso dal Gruppo guidato da Raffaele Stasi “Continuiamo Insieme”.

Constatata l’unanimità alla votazione, non sono mancate parole di apprezzamento dal Consigliere Gianni De Pascalis: “Intervengo come Presidente della Commissione dove abbiamo dibattuto l’argomento. Sia in Consiglio, sia in Commissione, prendiamo atto del voto unanime, segno che si sta lavorando bene e si sta lavorando in sinergia. Mi premeva aggiungere, per una questione di chiarezza e di informazione verso i Cittadini, che questo piano verrà pubblicato sul sito del Comune e questo Piano sarà allegato al Bilancio di Previsione”.

Dopo le Comunicazioni del Sindaco e l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti (25 e 30 Maggio 2022), i toni si sono accesi durante l’ultimo punto all’ordine del giorno: “INTERROGAZIONI ED INTERPELLANZE”.

Il Consigliere Comunale Fabrizio Preite

“Per senso, responsabilità e per rispetto a questa Assise Consiliare, – ha dichiarato il Consigliere Fabrizio Preiteho partecipato alla seduta odierna affrontando e discutendo tramite il mio Capogruppo e votando anche in maniera favorevole i punti all’ordine del giorno. Ora, arrivati all’ultimo punto, vorrei fare una piccola considerazione. Era il Consiglio Comunale del 5 Marzo scorso quando presentavo alcune interrogazioni a questo Esecutivo, per le quali chiedevo risposta scritta. Questa risposta mi è pervenuta solo ieri, 10 Giungo 2022. Sono passati esattamente 97 giorni da tale richiesta, dopo, tra l’altro, anche una mia nota di sollecito protocollata intorno al 26 di Maggio. Un arco temporale, secondo me, assurdo, considerato anche che, per legge, l’Amministrazione deve rispondere entro i 30 giorni. Avrei potuto capire un ritardo di qualche giorno o di qualche settimana, ma di certo non posso capire un ritardo di più di tre mesi. Se l’Opposizione presenta qualche richiesta o istanza di certo non lo fa per far perdere tempo agli Amministratori o agli Uffici, ma lo fa per fornire risposte alle tante segnalazioni e domande che gli stessi Cittadini, che magari hanno votato anche per questa Maggioranza, pongono. Sinceramente, dopo tutto questo tempo trascorso, trovo serie difficoltà a dare delle risposte a determinate questioni sollevate per tempo alla Giunta che, per fortuna, dopo tanto tempo, potrebbero aver trovato una soluzione o potrebbero essere peggiorate. Risposte, tra l’altro, pervenute ieri in maniera incompleta e telegrafica”. Dopo aver fatto risuonare questa denuncia nell’Aula Consiliare, il gruppo di Opposizione “Continuiamo Insieme”, “visto il comportamento avuto da questa Maggioranza nei confronti dell’Opposizione”, ha abbandonato l’Aula.

Alla denuncia del Consigliere Preite, nell’immediato, non c’è stata una risposta, che arriverà dopo dal solo Assessore Valeria Carolì. La parola è stata presa, successivamente all’abbandono dell’aula da parte dei due Consiglieri Stasi e Preite, dal Consigliere Maglie: “Sono rimasto contento che il Consigliere De Benedictis si sta occupando del verde pubblico, però, sto notando, ad esempio, che nel Parco Giochi l’erba si presenta in uno stato indecoroso ed è molto alta. Se dovesse mettersi fuoco nel Parco Giochi perderemmo non solo quella zona verde, ma ci sarebbe un serio pericolo per le abitazioni vicine”.

“Il verde pubblico è ovviamente un problema di molti altri Paesi, oltre al nostro. – è arrivata immediatamente la risposta dell’Assessore all’Ambiente Francesco Damiano – Aldilà di questo, guardando alle nostre quattro mura, noi abbiamo detto che la situazione ancora in essere non è della nuova Amministrazione. Quello che ci stiamo portando è lo strascico di una gestione pregressa che è stata estemporanea negli anni. Quello che l’Amministrazione farà, quello che l’Amministrazione ha programmato, quello che potrà fare, insomma, cercare di dare un nuovo senso, avverrà dopo l’approvazione del Bilancio. Prima si programmano le risorse e dopo si possono fare gli interventi. Noi cercheremo di intervenire limitatamente per quello che si può fare e poi programmeremo degli interventi sistematici”.

la Consigliera Comunale Gelsomina Normanno

Sono proprio queste le parole che hanno portato all’indignazione della Consigliera Normanno che ha subito alzato i toni: “la vecchia Amministrazione ha ereditato dalla precedente vostra Amministrazione, in quanto avete governato per trent’anni la Città. In quegli anni abbiamo trovato diverse situazioni per il verde: la precedente ditta che era adibita a questa attività era in proroga da diversi anni; c’era la gara dell’ARO che era in essere e non potevamo programmare. Anzi, abbiamo programmato e abbiamo censito tutte le aree che voi avete già a disposizione per poter fare una gara. Eravamo attrezzati anche noi per una gara del genere, ma non potevamo programmare. Fate un mea culpa voi delle precedenti Amministrazioni. Poi, un intervento sul verde può essere fatto anche solo per mettere in sicurezza l’abitato vicino”.

Dopo un invito del Consigliere De Benedictis alla cittadinanza per “invitare i cittadini ad assumersi le proprie responsabilità ed avere un maggiore senso di civiltà verso sé stessi e il proprio Paese”, facendo un appello a non abbandonare rifiuti nelle aree pubbliche della Città, ha promesso: “nei prossimi giorni ci impegneremo per effettuare un miglior lavoro anche perché abbiamo aumentato le risorse dei PUC”.

l’Assessore Valeria Carolì

Finalmente una risposta ed una considerazione sul gesto compiuto dal gruppo “Continuiamo Insieme” di aver abbandonato l’aula è arrivata dall’Assessore Valeria Carolì, che dopo aver delucidato anche lei la situazione sulla manutenzione del verde pubblico ha poi continuato: “Il Consigliere Preite mi trova assolutamente d’accordo perché da ex Consigliere d’Opposizione durante l’Amministrazione Stasi, in cui tu eri Assessore, abbiamo subito le stesse cose, purtroppo. Quindi condivido il tuo sentimento in questo senso e so cosa si prova. In questa particolare occasione, però, ci tengo a dire che non è stata assolutamente una mancanza di rispetto nei tuoi confronti. Semplicemente, si è trattato di un’unica interrogazione che seppur con più domande nella medesima interrogazione non ha ritrovato poi la risposta. Non condivido tutto il resto, perché già nel Consiglio Comunale successivo in cui eri assente, il Consigliere Maglie ha fatto le stesse interrogazioni ed abbiamo puntualmente risposto a tutto”.

l’Assessore Quintino Rizzello

L’Assessore Rizzello ha poi risposto al Consigliere Preite: “È giustissimo quello che avete detto per me. È stata veramente una svista. Comunico, a tal proposito, che si è iniziato un lavoro di co-progettazione con la Regione Puglia, Arti e l’Associazione destinataria dell’uso del bene.

Seguici
#adv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.