Vai al contenuto
Home » Giornata della Donna: la Polizia dice no alla violenza

Giornata della Donna: la Polizia dice no alla violenza

In occasione della Giornata internazionale della Donna 2022, gli agenti la Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Taurisano, diretti dal Vice-Questore, Salvatore Federico, insieme ai volontari della Protezione Civile “Taurus”, sono scesi in Piazza per dare un forte segno contro la violenza di genere.

#adv

Nell’ambito della campagna permanente “Questo non è amore” in occasione dell’8 Marzo, il Servizio Centrale Anticrimine ha realizzato un volantino pieghevole informativo che è stato distribuito presso lo stand allestito in Piazza Castello, che si aggiunge e fa parte della campagna di informazione e sensibilizzazione finalizzata al contrasto della violenza di genere.

Le poliziotte, oggi più che mai, rappresentano il valore aggiunto nell’ambito dell’approccio alle donne che subiscono violenza. Con sensibilità ed innato senso di protezione aiutano le vittime a trovare il coraggio per denunciare evitando forme di vittimizzazione secondaria.

È questa la direttrice su cui da tempo si muove la Polizia di Stato portando avanti campagne di prevenzione anche con il coinvolgimento delle scuole e delle nuove generazioni “….Questo non è amore”.

Molteplici gli strumenti a disposizione che vengono promossi in occasioni di ricorrenze come la festa delle donne (8 marzo) e la giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre). Dei camper con a bordo investigatori, psicologi e membri di associazioni che tutelano le donne, forniscono notizie, sostegno e aiuto a chi decide di sottrarsi ad un mondo di brutalità che spesso coinvolge anche bambini.

In tantissime questure sono state realizzate delle stanze di ascolto che sono create per fornire le condizioni migliori per un dialogo con la persona maltrattata affinché questa possa entrare in empatia e denunciare; un percorso difficile e a volte doloroso, di “liberazione” che esclude il ripetersi delle violenze o la vittimizzazione secondaria con la svalutazione delle violenze subite.

gli Agenti della Polizia di Stato, i Volontari della Protezione Civile e il Vicesindaco Sonia Santoro

Tutte le Squadre mobili ormai dispongono di sezioni specializzate nella repressione di reati che hanno alla base una discriminazione di genere con personale qualificato e formato per affrontare denunce che richiedono sensibilità, disponibilità all’ascolto e una preparazione multidisciplinare. Le Divisioni anticrimine istruiscono e applicano le misure di prevenzione del questore.

I dati ci dicono che negli ultimi due anni, complici anche le restrizioni pandemiche, le violenze nelle mura domestiche sono aumentate e questo ha convinto la Polizia a sviluppare ulteriormente l’applicazione per cellulari Youpol; da diverso tempo sull’App della Polizia di Stato è possibile segnalare, anche in forma anonima, non solo episodi di cyberbullismo e spaccio di droga, ma anche di violenza domestica.

gli Agenti della Polizia di Stato, i Volontari della Protezione Civile e il Vicesindaco Sonia Santoro

Consapevoli che la conoscenza rappresenta una forma di “empowerment”, grazie al prezioso contributo della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato, è stato creato sul Sito della Polizia di Stato uno spazio ad hoc che descrive, da diversi punti di vista, la situazione normativa, le diverse forme di violenze di genere, le realtà culturali in cui spesso si creano le discriminazioni e le forme di tutela che la legge mette a disposizione.

Seguici
#adv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.